Altre destinazioni in Thailandia

Oltre alle mete più gettonate, la Thailandia può offrire altri luoghi magari meno conosciuti al grande pubblico, ma non per questo meno affascinanti; se volete discostarvi dagli itinerari classici oppure volete ritornare nel Paese del Sorriso dopo un precedente viaggio, le alternative a Bangkok, Chiang Mai e Phuket non mancano di certo.

Lampang

Lampang è una città di 55.000 abitanti della Thailandia del nord, situata un centinaio di chilometri a sud-est di Chiang Mai; sorge nella valle del fiume Wang, fra i monti Khun Tan e Phi Pan Nam.

La città e l’omonima provincia offrono diverse attrazioni sia di tipo culturale che naturalistico; lo sviluppo turistico non è stato finora troppo accentuato, facendo mantenere a Lampang uno stile di vita piuttosto rilassato ed un’atmosfera tranquilla, tipiche della Thailandia tradizionale.

Diversi i templi buddhisti degni di visita, come il Wat Phra That Lampang Luang, risalente al XV secolo ed il Wat Doi Prachan Mae Tha, dal quale si ha inoltre una magnifica vista sulla vallata sottostante, entrambi sono situati una ventina di chilometri dalla città; degne di nota anche le case in legno di teak, a partire dalla Baan Sao Nak, ora trasformata in museo.

Per chi ama la natura, ad un’ora di strada da Lampang si trova il Parco Nazionale di Chae Son, in cui troverete cascate, grotte e sorgenti di acqua calda termale; si può optare in alternativa per il più vicino Parco Nazionale di Doi Khun Tan, condiviso con la provincia di Lamphun, ideale per le escursioni e rinomato per le sue fioriture di orchidee selvatiche.

Wat Pong Sanuk (29930678066)

Nong Khai

Nong Khai è una città di quasi 50.000 abitanti nella regione dell’Isan, posta lungo le rive del Mekong, una decina di chilometri a sud-est della capitale del Laos, Vientiane, che si può raggiungere comodamente grazie al primo ponte dell’amicizia thai-lao.

L’estrema vicinanza con la più importante città del Laos ha giovato al settore turistico negli ultimi anni, che si è di conseguenza sviluppato in maniera progressiva.

Il Wat Pho Chai è il più interessante fra i templi cittadini, se volete invece visitare un’attrazione più particolare recatevi al parco Sala Kaew Ku, all’interno del quale sono presenti diverse imponenti e bizzarre statue di cemento che rappresentano sia divinità buddhiste che induiste.

Nāga in Nong Khai 2

Christophe95, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Phetchabun

La provincia di Phetchabun si trova 300 chilometri a nord della capitale Bangkok, con l’omonimo capoluogo che conta poco più di 20.000 abitanti.

In questa provincia si trova uno dei monasteri buddhisti più affascinanti, nonostante sia di recente costruzione, di tutta la Thailandia, il Wat  Pha Sorn Kaew, caratterizzato da 5 imponenti statue di Buddha allineate e via via più piccole.

L’altopiano di Khao Kho è molto rinomato ed offre un po’ di refrigerio nelle giornate più calde, oltre a splendide viste sui dintorni, con una conformazione del territorio simile a quella delle Alpi; se soggiornate in questa zona ed avete fortuna potrete osservare la nebbia mattutina che avvolge le aree sottostanti e che via via si dirada col passare dei minuti.

Khao Kho02

Nawit science, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Trang

La provincia di Trang si trova nella Thailandia meridionale a sud-est della più conosciuta provincia di Krabi; anch’essa si affaccia ad ovest sul Mare delle Andamane.

Le attrazioni principali si trovano proprio lungo la costa, con il Parco Nazionale di Hat Chao Mai, del quale fanno parte alcune splendide isole con falesie calcaree a picco sull’oceano.

È una zona ancora non scoperta dal turismo di massa e che quindi garantisce spiagge tropicali poco affollate ed un mare cristallino ricco di pesci ed altri animali marini, oltre a rigogliose foreste sulla terraferma.

Ko Kradan (2)

Krzysztof Golik, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons