Chiang Rai

Chiang Rai (เมืองเชียงราย) è la città più settentrionale della Thailandia, si trova ad oltre 200 chilometri dalla quasi omonima Chiang Mai, non molto distante dai confini con Myanmar e Laos, nel cuore del Triangolo d’Oro, famigerato in passato per la coltivazione dell’oppio, da cui si ricava l’eroina.

È una città di 200.000 abitanti, fondata come capitale del regno nel 1262 dal Re Meng Rai, dalla quale ha preso il nome (Chiang in thailandese significa città); è attraversata dal fiume Kok, un affluente del Mekong.

A livello turistico è famosa soprattutto per il Tempio Bianco (Wat Rong Khun), ma questa non è l’unica attrazione per cui vale la pena visitare questa città, magari in combinazione con la più nota Chiang Mai; ci sono infatti numerosi templi, cime di montagna, giardini e piantagioni di tè, sorgenti termali e molti altri luoghi interessanti.

Il clima differisce rispetto alla maggior parte della Thailandia, per via della latitudine più settentrionale di Chiang Rai; nei mesi più secchi (da novembre a marzo) le precipitazioni sono piuttosto scarse e le temperature possono scendere di notte sotto i 10° C, ma risultano gradevoli di giorno (attorno ai 20° C) e quindi questo è il periodo migliore per visitare la città; da aprile a giugno si registrano le temperature più alte, mentre fra luglio e settembre le piogge sono molto frequenti ed abbondanti.

La provincia ha sia aree più pianeggianti che collinari o più montuose, in parte abitate dalle cosiddette hill tribes (Akha, Karen, Hmong ed altre), che costituiscono il 12,5% circa della popolazione; è una destinazione adatta a chi ama stare all’aria aperta e la natura, effettuando dei trekking nel corso dei quali imbattersi in cascate, corsi d’acqua o grotte.

Chiang Rai Tempio Bianco-Wat Rong Kuhn

DSwarthout, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Come arrivare a Chiang Rai

Chiang Rai dispone di un aeroporto, molto vicino al centro città, con una decina di voli giornalieri da e verso i due aeroporti di Bangkok, Suvarnabhumi e Don Muang, operati da diverse compagnie low cost, della durata di 1 ora e 30 minuti e dai prezzi abbastanza convenienti, attorno a 1200-1300 baht per la sola andata; esistono voli diretti, meno frequenti, anche da Phuket e da Hat Yai, nella parte meridionale della Thailandia.

Da Chiang Mai si può invece prendere uno dei tanti autobus giornalieri, che in circa 3 ore e mezza raggiungerà la città, per un costo attorno ai 250-300 baht; da Bangkok il tempo aumenta ovviamente in maniera considerevole, visto che bisogna percorrere 800 chilometri, con un viaggio di minimo 11 ore, ma con prezzi molto buoni (da 600 baht in su).

Cosa vedere a Chiang Rai

Wat Rong Khun

Il Wat Rong Khun è un tempio di recente costruzione, in realtà ancora non terminato, ma che è diventato ben presto l’attrazione di maggior interesse a Chiang Rai; è meglio noto come il Tempio Bianco e si trova 13 chilometri a sud-ovest dal centro città.

I lavori sono iniziati nel 1997 ad opera di un pittore ed artista thailandese, Chalermchai Kositpipat, il tutto finanziato privatamente; si prevede che serviranno almeno altri 50 anni prima che la struttura venga completata.

È un tempio molto particolare, a partire dal suo colore, ma anche per i suoi dettagli, che merita senza dubbio una visita pur non essendo antico; quando sarà completato si comporrà in tutto di 9 edifici, ma già così è davvero spettacolare ed unico.

Gate of heaven guarded by Rahu and Death, who decide the fate of the dead - Flickr - Jorge Lascar

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00-18:00
Nessun giorno di chiusura
฿ 100 baht
200 metri dallo svincolo della strada n° 1, 13 km a sud-ovest di Chiang Rai

Wat Rong Suea Ten

Anche il Wat Rong Suea Ten, meglio noto come Tempio Blu, è opera di Chalermchai Kositpipat ed infatti ha delle caratteristiche simili al Tempio Bianco; il suo nome si traduce in italiano come Tempio della tigre danzante.

Si tratta di una struttura ancora più recente, la cui costruzione è iniziata nell’ottobre del 2005, con l’edificio principale inaugurato all’inizio del 2016.

Il tempio si trova appena fuori dal centro città, a nord del fiume Kok; in questo caso è stato usato principalmente il colore blu per le decorazioni, con varie sfumature e particolari curati nei minimi dettagli.

วัดร่องเสือเต้น อุโบสถ

Duangtipr, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
6:00-18:00
Nessun giorno di chiusura
฿ Gratuito
2,5 km a nord del centro città, oltre il fiume Kok

Wat Phra Kaew

Il Wat Phra Kaew è un tempio buddhista risalente alla fine del XIV secolo, uno dei più antichi della città; contiene la copia della statua più venerata della Thailandia (quella originale si trova all’interno del Grande Palazzo Reale a Bangkok), il Buddha di Smeraldo, ritrovato qui nel 1434.

Gli edifici sono in stile Lanna e contengono delle intricate decorazioni molto dettagliate; una parte del complesso è adibita a museo, mentre nella parte posteriore si possono ammirare degli splendidi giardini con un piccolo laghetto annesso.

Wat Phra Kaew Chiang Rai Ubosot วัดพระแก้ว เชียงราย อุโบสถ

Chainwit., CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
7:00-18:00
9:00-17:00 (museo)
Nessun giorno di chiusura
฿ Gratuito
Il tempio si trova nella parte occidentale della città, a 700 metri dalla Klang Wiang Road

Wat Huay Pla Kang (Grande Buddha)

Il Wat Huay Pla Kang è un complesso di templi buddhisti di recente costruzione (inizio di questo secolo); si trova sulle colline a nord-ovest di Chiang Rai, a circa 7 chilometri dal centro città.

Le due parti più appariscenti sono la pagoda a 9 livelli e la grande statua della dea cinese della compassione Guanyin, alta ben 90 metri, entrambe raggiungibili attraverso delle scalinate presidiate ai lati da imponenti serpenti Naga.

Ognuno dei livelli della pagoda è visitabile percorrendo una serie di scale, così come si può utilizzare un ascensore interno (costo 40 baht) per salire quasi in cima alla statua di Guanyin, la quale presenta delle fessure da cui osservare la città e le montagne dei dintorni; i panorami risultano molto suggestivi specialmente negli orari adiacenti al tramonto.

Wat Huay Pla Kang วัดห้วยปลากั้ง Chiang Rai เชียงราย 12

Chainwit., CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
7:00-21:30
Nessun giorno di chiusura
฿ Gratuito
1,2 km dalla strada n° 131, nella periferia nord-occidentale di Chiang Rai

Night Bazaar

Il Night Bazaar è il principale mercato di Chiang Rai e si tiene ogni sera dalle 18:00 alle 23:00.

Vi troverete merci di tutti i tipi, così come un’ottima selezione di street food tipico della Thailandia del nord, con piatti differenti rispetto a Bangkok o altre parti del Paese.

ChiangRai NightBazaar FoodCourt

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
18:00-23:00
Nessun giorno di chiusura
Il mercato si trova nei pressi del Terminal 1 degli autobus

Clock Tower

Il Clock Tower (Torre dell’Orologio) è uno dei punti di riferimento nel centro di Chiang Rai; ogni giorno alle 19:00, 20:00 e 21:00 viene eseguito un breve show di luci e suoni della durata di 5 minuti.

Clock tower in Chiang Rai purple

Gozitano, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
L’orologio si trova nella rotatoria all’incrocio fra le strade Banpha Prakan, Suk Sathit e Chet Yot

Singha Park

Situato una decina di chilometri a sud-ovest di Chiang Rai, il Parco Singha è una grande area verde in cui è possibile svolgere diverse attività oppure assistere ad uno degli eventi qui organizzati; all’entrata è possibile affittare una bicicletta per girare il parco in completa autonomia o altrimenti usufruire di un piccolo tram.

Il paesaggio è in gran parte dominato da piantagioni di tè oolong e si possono acquistare prodotti locali, così come mangiare in un ristorante, ammirando nel contempo i panorami bucolici che lo circondano.

Singha Park International Balloon Fiesta (179502839)

Natthaphong Kaewruecha, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
9:00-18:00
Nessun giorno di chiusura
฿ Gratuito
5 km a nord-ovest del Tempio Bianco, lungo la strada n° 1211

Museo Baan Dam (Black House)

Il Museo Baan Dam, Casa Nera in italiano, è un complesso formato da 40 case di varia grandezza e forma, edificate utilizzando in gran parte legno di teak scuro.

Le abitazioni si trovano all’interno di un grande e bel giardino e mixano uno stile moderno a quelli tradizionali Lanna, del Laos e del Sud-est asiatico; gli interni contengono un’ampia collezione di quadri, sculture ed oggetti in oro ed argento ad opera dell’ideatore del museo, Thawan Duchanee, così come ossa e pelli di animali che possono risultare un po’ macabre per alcuni visitatori.

001 Triple Building (9211792183)

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
9:00-17:00
Nessun giorno di chiusura
฿ 80 baht
12 km a nord del centro città, nei pressi della strada n° 1

Cascata di Khun Korn

Nelle montagne della provincia di Chiang Rai si trovano diverse cascate, in particolare nelle zone ad ovest e nord rispetto al capoluogo.

La cascata di Khun Korn, all’interno dell’omonimo parco forestale, è probabilmente quella più interessante da visitare, grazie ad un salto di circa 70 metri; si raggiunge seguendo un sentiero abbastanza agevole per 1,5 chilometri di trekking.

Altre due cascate meritevoli ed a simile distanza da Chiang Rai sono quelle di Huay Keaw e di Mae Sai.

Khun Korn Waterfall. Chiang Rai Province

Nicolai Bangsgaard, CC BY 2.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00-16:30
Nessun giorno di chiusura
฿ Gratuita
30 km a sud-ovest del centro di Chiang Rai, bisogna seguire rispettivamente le strade n° 1211, n° 1208 ed infine n° 1384 per gli ultimi 3 km

Piantagione di tè di Choui Fong

Questa provincia della Thailandia è rinomata per la produzione di tè; a circa 40 chilometri a nord di Chiang Rai è possibile visitare la grande piantagione di Choui Fong, gustarsi un tè con splendida vista ed ovviamente acquistare i prodotti locali nel caso siate fruitori abituali di questa bevanda dalle tante proprietà.

Choui Fong tea plantation

Pixabay user Denchai, CC0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
8:30-17:30
Nessun giorno di chiusura
฿ Gratuita
La piantagione si può raggiungere uscendo dalla strada n° 1 da diversi bivi, proseguendo poi per altri 9/10 km

Monte Doi Tung

Il Monte Doi Tung raggiunge un’altezza di 1.389 metri e si trova nella parte nord-occidentale della provincia, a ridosso del confine col Myanmar, a circa 60 chilometri dal capoluogo.

Attorno alla vetta sono presenti diverse attrazioni, alcune delle quali richiedono un ticket d’ingresso; fra le più interessanti ci sono il giardino botanico Mae Fah Luang e l’adiacente villa reale, nel quale soggiornava spesso la nonna dell’attuale re della Thailandia, oltre ad un percorso su varie passerelle fra gli alberi.

Una manciata di chilometri più a nord si trovano poi un arboreto molto interessante ed il complesso di templi buddhisti di Wat Phra That, circondati da una rigogliosa foresta.

DoiTungGarden

Elgaard, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sito ufficiale 
8:00-17:00 (giardini)
7:00-17:30 (villa reale)
7:00-17:30 (arboreto)
8:00-11:00 e 13:00-17:00 (percorso sugli alberi)
Nessun giorno di chiusura
฿ 90 baht (adulti – giardini, villa reale ed arboreto)
45 baht (bambini, studenti ed anziani)
200/100 baht (ticket cumulativo per le 3 attrazioni)

200 baht (adulti – percorso sugli alberi)
100 baht (bambini, studenti ed anziani)

Seguire la strada n° 1, prima di prendere il bivio per la strada n° 1149, da cui proseguire per 9 km

Grotta di Tham Luang Khun Nam Nang Non

Questo sistema carsico di grotte è salito alla ribalta nel luglio del 2018, quando 12 ragazzini e l’assistente allenatore di una squadra di calcio locale rimasero intrappolati per 18 giorni in una delle caverne, a causa delle forti piogge monsoniche occorse nei giorni precedenti.

Le grotte si trovano quasi 60 chilometri a nord di Chiang Rai e sono visitabili nella prima parte lunga 1 km circa, solamente però durante la stagione secca.

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sempre aperta
Da luglio ad ottobre
3 km ad ovest dal bivio della strada n° 1

Parco del Triangolo d’Oro

Nella parte settentrionale della provincia, quando il fiume Ruak si getta nel Mekong si intersecano i confini di tre Stati, Thailandia, Myanmar e Laos, in quello che è stato nominato il Triangolo d’Oro, in relazione anche alle innumerevoli coltivazioni di oppio nella zona.

Da questo parco altamente simbolico si possono osservare a brevissima distanza gli altri due Paesi, col confine che forma una sorta di triangolo; nelle vicinanze si può inoltre visitare il Museo dell’Oppio, per avere informazioni di tipo storico sull’area.

Golden Triangle P1110578

deror_avi, CC BY-SA 3.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sempre aperto
Nessuna chiusura
฿ Gratuito
70 km a nord-est di Chiang Rai, lungo la strada n° 1290

Parco Nazionale di Doi Luang

Il Parco Nazionale di Doi Luang occupa un’area di 1.170 Km², a cavallo delle province di Chiang Rai, Lampang e Phayao, in una zona montuosa che arriva a sfiorare i 1.700 metri d’altezza.

L’ingresso principale si trova 65 km a sud rispetto alla città di Chiang Rai, nei pressi della cascata di Phu Kaeng, una delle tante incluse nel territorio del parco.

Si può campeggiare nei pressi del quartier generale, così come partecipare a trekking alla ricerca della ricca fauna che vive nella zona e che include anche orsi, zibetti, tigri, lemuri e diverse specie di uccelli.

Pu-Kang Water Fall

Chaiyathat, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
8:00-16:30
Dall’1 settembre al 31 ottobre
฿ 100 baht (adulti)
50 baht (bambini)
20/10 baht per i thailandesi
8 km dal bivio con la strada n° 1, proseguendo verso ovest

Wat Saeng Kaew Phothiyan

Il Wat Saeng Kaew Phothiyan è un tempio buddhista situato nei pressi della strada n° 118 che collega Chiang Mai a Chiang Rai, a 60 chilometri da quest’ultima.

Si tratta di un tempio di recentissima costruzione in architettura Lanna, coi lavori iniziati nel 2006, su iniziativa del monaco Kruba Ariya Chart; il complesso è molto ampio e comprende numerose statue ed edifici sacri.

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
6:00-18:00
Nessuna chiusura
฿ Gratuito
2 km dal bivio con la strada n° 118

Mae Kachan Hot Spring & Geyser

Le sorgenti termali di Mae Kachan si trovano nell’estremità sud-occidentale della provincia a 115 chilometri dal capoluogo, lungo la strada che lo collega a Chiang Mai, dal quale distano invece soli 70 chilometri.

Sono presenti delle vasche di acqua termale calda dove immergere i piedi, oltre ad un piccolo geyser; un’altra attività molto popolare è la cottura delle uova in queste acque quasi bollenti.

Non si tratta delle uniche sorgenti termali provinciali, a soli 20 chilometri da Chiang Rai e quindi più comode da raggiungere si trovano ad esempio le Pha Soet Hot Springs.

View Hot Sping Chiangrai By HS3CMI - panoramio

CHAMRAT CHAROENKHET, CC BY 3.0, via Wikimedia Commons

Informazioni pratiche

Visualizza posizione su Google Maps
Sempre aperte
Nessuna chiusura
฿ Gratuito
Lungo la strada n° 118, a 12 km dal confine con la provincia di Chiang Mai

Tribù delle colline

Oltre centomila fra gli abitanti della provincia appartengono ad una delle tribù delle colline che abitano da secoli in questa parte del sud-est asiatico, che include anche gli Stati confinanti.

Esistono vari tour che vi permettono di scoprire i villaggi in cui vivono queste tribù ed imparare a conoscere meglio la loro cultura e le loro usanze; alcune delle guide sono esse stesse appartenenti ad una di queste etnie e quindi sono altamente qualificate ed appassionate nel loro lavoro.

Negli ultimi decenni a queste tribù, che in precedenza sopravvivevano soprattutto grazie alla coltivazione ed alla vendità dell’oppio, sono state insegnate tecniche di agricoltura più moderna di beni di altro tipo (frutta, verdura).

La più nota di queste tribù è quella Paduang, originaria del vicino Myanmar, con le donne che fin da piccole indossano al collo degli anelli di ottone in numero sempre maggiore; per via degli effetti visivi di questa particolare usanza, i Paduang sono conosciuti come la tribù dal collo lungo.

Chiang Rai, Akha woman