Parco Nazionale di Kaeng Krachan

Il Parco Nazionale di Kaeng Krachan, coi suoi 2.914 Km² di superficie, è il più esteso di tutta la Thailandia; è stato istituito nel 1981 e si trova poco meno di 200 chilometri a sud-ovest della capitale Bangkok; dal 2021 è stato inserito nei siti naturali patrimonio dell’umanità dell’UNESCO.

Occupa la parte centro-occidentale della provincia di Phetchaburi fino al confine con il Myanmar, con la sezione più meridionale situata invece nella provincia di Prachuap Khiri Khan; riceve circa centomila visitatori all’anno, risultando moderatamente affollato solo durante i weekend invernali o nei giorni festivi.

È aperto da novembre a luglio, coi mesi più secchi come periodo più idoneo per visitarlo, fra febbraio ed inizio maggio, quando si avvicina la stagione umida; progredendo verso il Myanmar si sale di quota fino a quasi 1.500 metri, nel cuore dei Monti Tenasserim, che costituiscono il confine naturale con questo Paese.

KOSIN SUKHUM, CC BY-SA 4.0, via Wikimedia Commons

Si tratta di uno dei parchi nazionali thailandesi più ricchi dal punto di vista faunistico, anche se la sua ampiezza e la fitta giungla tropicale rendono abbastanza difficile osservare le specie animali più schive o rare; notevoli in particolare i numeri delle specie di uccelli presenti, circa 480, che lo rendono uno dei due parchi della Thailandia più adatti per il birdwatching, grazie fra gli altri a rapaci, pavoni, picchi e variopinti bucerotidi.

Fra i mammiferi più significativi abbiamo leopardi, elefanti, orsi, cervi, sciacalli dorati, scimmie e tigri, anche se quest’ultime sono molto difficili da scovare, poiché ridotte drasticamente di numero negli ultimi decenni; numerosi anche i rettili, in special modo serpenti quali le vipere, i cobra ed i pitoni reticolati, così come le farfalle, di 300 specie differenti, che si ammassano durante i mesi più secchi attorno a delle piccole aree ricche di minerali, creando uno spettacolo davvero suggestivo.

Il centro visitatori si trova vicino alle sponde sud-orientali del lago artificiale di Kaeng Krachan, ma non costituisce un’area di grande rilevanza, poiché per osservare al meglio la fauna e per raggiungere i punti di interesse come cascate, grotte e punti panoramici bisogna addentrarsi nel cuore del parco, percorrendo la strada che porta al campeggio di Ban Krang, posto a 320 metri d’altezza o a quello più selvaggio di Phanoen Thung, a 950 metri di quota, un ottimo punto per apprezzare il fenomeno del mare di nebbia mattutino nelle fresche giornate invernali.

Più a sud abbiamo invece la zona di Pala-U con l’omonima cascata che costituisce la principale attrattiva; anche qui è possibile campeggiare, sia con attrezzatura propria che noleggiando per pochi Euro una tenda e l’equipaggiamento necessario sul posto.

Sono presenti alcuni sentieri nei pressi dei campeggi, che si dipartono in particolare da quello di Ban Krang, percorribili solamente con delle guide del parco, grazie alla quale aumentano però le possibilità di osservare la fauna, vista la loro notevole conoscenza del territorio; a questo scopo vengono inoltre organizzate delle escursioni anche in lingua inglese, della durata di 1, 2 o 3 giorni.

Ad una manciata di chilometri dal campeggio di Ban Krang si possono inoltre visitare alcune piccole grotte (Hua Chang e Khao Pakarang), dove vivono delle colonie di pipistrelli, raggiungibili sempre con l’ausilio di un ranger, al fine di evitare spiacevoli inconvenienti.

Nel villaggio di Kaeng Krachan si trovano diverse sistemazioni, sia a conduzione familiare che hotel o resort più grandi, ma immersi nella natura circostante, così da non dover rinunciare al comfort, ma senza poi dover percorrere troppi chilometri prima di visitare il parco.

Posizione e come arrivare al Parco Nazionale di Kaeng Krachan da Phetchaburi, Hua Hin e Bangkok

Non sono presenti collegamenti con mezzi pubblici verso il parco, con i minivan che si fermano nella cittadina con lo stesso nome, Kaeng Krachan, circa cinque chilometri prima del centro visitatori, situato vicino alle sponde sud-orientali del Lago Kaeng Krachan.

Vi sono comunque molte corse in partenza da Bangkok, dalla vecchia stazione sud di Pin Klao (1,5 km a nord-est del mercato galleggiante di Taling Chan), con i minibus che impiegano circa 3 ore per percorrere i 170 km necessari, al prezzo di 250 baht; in alcuni casi bisogna effettuare un cambio a Phetchaburi, il capoluogo della provincia in cui si trova quasi interamente il parco, che dista invece 50 km da Kaeng Krachan.

La distanza da Hua Hin è di poco superiore, 70 km, ma bisogna utilizzare mezzi privati per raggiungere il parco, non essendoci al momento nessun servizio pubblico diretto, visitando però in questo caso direttamente i punti di interesse maggiori, senza passare dal quartier generale.

Le due aree più interessanti del parco, quella centrale coi campeggi di Ban Krang e di Phanoen Thung e quella sud-occidentale con la cascata di Pala-U ed il relativo campeggio, distano parecchio dalla sede centrale, meno ricca dal punto di vista naturalistico, rispettivamente 30 ed oltre 80 chilometri.

Nella parte centrale si può accedere solamente con un’automobile, che deve essere per forza un fuoristrada per il tratto sterrato ed in salita dal campeggio di Ban Krang a quello di Phanoen Thung; sono comunque disponibili dei servizi di trasferimento dal centro visitatori ad entrambi i campeggi.

La più distante area di Pala-U, situata nella provincia di Prachuap Khiri Khan, è invece raggiungibile sia in automobile che motocicletta, ma bisogna organizzare da soli il transfer, magari con l’aiuto della struttura in cui si soggiorna, se non si dispone di un mezzo a noleggio.

Informazioni pratiche

Sito ufficiale 
6:00 – 17:00
Si può uscire dal parco fino alle 19:00
8:30 – 16:30 (cascata di Pala-U)
Da agosto ad ottobre
Quartier generale e cascata di Pala-U sempre aperti
฿ 300 baht (adulti)
200 baht (bambini)
100/40 baht per i thailandesi